Sappiamo con cosa ci laviamo?

Una delle rare volte che sono andato io a fare la spesa, ho comprato un sapone liquido per le mani che conteneva la scritta no parabeni, no sles, no sls, no donatori di formaldeide.
Leggendo questa scritta mi sono chiesto, che cosa sono e se facessero male.
I Parabeni sono i conservanti più utilizzati nell’industria cosmetica, impediscono il proliferare di muffe, batteri e altri microbi di crescere e proliferare nei prodotti.  Si possono trovare sotto il nome di metilparaben, etilparaben, propilparaben, butilparaben e Isobutylparaben e si trovano in shapoo, mascara, fondo tinta, saponi e profumi.
Per i parabeni ancora non c’è la risposta sicura sul fatto che siano nocivi o meno, anche perchè come spesso accade non ci sono studi su campioni numerosi di persone e per periodi di tempo lunghi (svariati anni), perchè lavarsi una volta non provoca certo nulla ma sull’uso prolungato e continuativo di questi prodotti non c’è certezza che l’accumulo non sia dannoso.  Un interessante articolo sui parabeni lo trovate qui salute-e-benessere.org

SLES e SLS sono dei tensioattivi ossia sostanze che sciolgono lo sporco e lo portano via con l’acqua.
Il Sodium Laureth Sulfate (SLES), contiene acido laurico sostanza che in natura si trova in molti grassi vegetali a cui però viene aggiunta una parte di molecole di origne petrolifera. E’ caratterizzato da un potere irritante che aumenta con la sua concentrazione anche se più tollerabile dell’SLS.
SLS  anche questo ha una parte vegetale Sodium Lauryl Sulphate, a cui viene aggiunta una parte di derivazione petrolifera.
Formaldeide composto di origine organica dichiarata cancerogena dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (AIRC). La Comunità Europea ne ha bandito l’uso da tempo, anche se non è stato posto nessun divieto su molecole che nel corso della loro vita cedono formaldeide. Altra cosa a mio avviso gravissima è che alcuni smalti contengono anche se in polle dosi formaldeide. Ecco alcune sostaze che cedono formaldeide, Sodium hydroxymethyl glycinate,Benzylhemiformal,Imidazolidinyl urea and diazolidinyl urea, mentre per queste ancora non c’è la prova analitica ma solo una ragionevole certezza che siano cessori di formaldeide e sono 2-Bromo-2-nitropropane-1,3-diol ,- 5-Bromo-5-nitro-1,3-dioxane, Quaternium-15 ,DMDM Hydantoin,Methenamine .
Se volete controllare alcune sostanze potete usare il biodizionario che vi dirà il grado di pericolosità.
Come sempre leggere le etichette e informarsi è la prima forma di protezione che possiamo attuare.